Archivio precedenti ultim'ora
   
55 Articoli
Torna all'indice
DATA01/09/2009
TITOLOA chi l'ex sede di An in corso Cavour?

ALTOPASCIO – Cinghia di collegamento tra società civile e istituzioni. La definizione romantica (permeata dalla corrente culturale del Romanticismo) Ottocentesca dei partiti politici era questa. Abbattuta, con il muro di Berlino l’ideologia totalitarista e, da noi, la Prima Repubblica, con l’utopia del bipolarismo (in Italia resistono a qualsiasi sbarramento molti partitini) anche a livello locale il cambiamento è percepito. Le sezioni del Pci di un tempo sono scomparse, il Pd è un bel frullatore dove convergono anche gli scontenti dell’altra parte, del centro e persino di destra. Ora ci sono persino i cattocomunisti. Sull’altro fronte, per rimanere alla stretta attualità, è finita l’epoca di Alleanza Nazionale e di Forza Italia. Il PdL, Partito delle Libertà, (il nome sa di irredentismo trentino o dell’epoca delle cinque giornate di Milano quando il tiranno straniero c’era davvero) è ora quello ufficiale, con un suo logo. Ad Altopascio scomodarono persino il Ministro Matteoli per inaugurare la sede di AN sopra il Monte dei Paschi in corso Cavour. Ora di quel circolo non si sa più niente. L’auspicio è che quegli spazi siano attribuiti magari a qualche associazione giovanile o a chi ne ha bisogno. Nel frattempo registriamo una misteriosa nascita, quella del circolo della Libertà (e dagli!) ad Altopascio. Una sorta di generazione spontanea postulata da Aristotele. Ma non c’era già un precedente circolo? Sì, però alcuni dei componenti finirono in galera. Massimo Stefanini

Massimo Stefanini



ALTOPASCIONEWS -© 2001/2008